AEEGSI

AEEGSI – Legge Concorrenza – audizione

Memoria 05 giugno 2017 402/2017/I/com – Disegno di legge recante “Legge annuale per il Mercato e la concorrenza” (AC 3012-b): art. 1, commi 60-98. Elementi di valutazione in materia di servizi di tutela nell’energia.

  • La Memoria contiene alcune osservazioni dell’Autorità sulle disposizioni del disegno di legge recante la “Legge annuale per il mercato e la concorrenza” (AC 3012-B) e, in particolare, sul differimento delle tempistiche previste per la cessazione della disciplina transitoria dei prezzi del gas e dell’energia elettrica per i clienti domestici, nonché su ulteriori disposizioni volte ad accompagnare tale passaggio.
BankItalia

Banca d’Italia – Proiezioni macroeconomiche giugno 2017

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L’ECONOMIA ITALIANA INCLUSE NELL’ESERCIZIO COORDINATO DELL’EUROSISTEMA

Questa nota presenta le proiezioni macroeconomiche per l’Italia nel triennio 2017-19 elaborate dagli esperti della Banca d’Italia e incorporate nell’esercizio coordinato dell’Eurosistema. Le proiezioni per l’area dell’euro sono state rese note nella conferenza stampa successiva alla riunione del Consiglio direttivo della BCE dell’8 giugno, quelle per i singoli paesi saranno disponibili sul sito della BCE due settimane più tardi.
Le proiezioni, come concordato nell’ambito dell’esercizio dell’Eurosistema, sono basate sulle informazioni disponibili al 23 maggio. Non tengono pertanto conto della revisione al rialzo della crescita del PIL negli ultimi due trimestri diffusa dall’Istat il 1° giugno. Una più ampia discussione del quadro previsivo per l’economia italiana – con gli aggiornamenti necessari – verrà presentata, come di consueto, nel Bollettino economico della Banca d’Italia in uscita il prossimo 14 luglio.

Il quadro riflette un moderato rafforzamento della domanda estera e condizioni monetarie ancora molto accomodanti. Il miglioramento ipotizzato per l’economia mondiale è in linea con le valutazioni dei principali previsori.

L’andamento dei tassi di interesse riflette le attuali quotazioni di mercato, che incorporano rendimenti a breve termine molto bassi per un periodo prolungato, tassi a lungo termine in aumento graduale e differenziali di rendimento dei titoli di Stato italiani rispetto a quelli tedeschi non lontani dai livelli più recenti.

Come nelle recenti proiezioni della Commissione europea, il quadro non incorpora gli effetti dell’aumento delle imposte indirette previsto dalle clausole di salvaguardia nel prossimo biennio o di interventi sostituitivi diversi da quelli già definiti nell’attuale legislazione.

Sulla base di queste ipotesi, la crescita dell’Italia si rafforzerebbe lievemente. Nel quadro incorporato nell’esercizio dell’Eurosistema, il PIL aumenta dell’1,0 per cento quest’anno; rispetto a questa stima, le revisioni del PIL negli ultimi due trimestri rese note dall’Istat dopo la chiusura dell’esercizio comportano un rialzo della crescita già acquisita per l’anno valutabile in circa tre decimi di punto percentuale (cfr. il riquadro Le ipotesi).

Il prodotto cresce poi dell’1,2 per cento sia nel 2018 sia nel 2019. Queste proiezioni saranno aggiornate nel Bollettino economico di luglio per tener conto dei nuovi dati diffusi dall’Istat e delle altre informazioni che si stanno rendendo disponibili. Le proiezioni qui presentate sono sostanzialmente in linea con quelle della Commissione europea, ma più favorevoli rispetto a quelle rese pubbliche in aprile dall’FMI.

Nel confronto con le proiezioni pubblicate nel Bollettino economico della Banca d’Italia dello scorso gennaio, le stime sulla crescita del prodotto sono ora più elevate in ciascun anno dell’orizzonte di previsione.