logo_ascomac

Osservatorio ASCOMAC CRESME Macchine e Impianti per le Costruzioni IV Trimestre 2017

L’Osservatorio vendite macchine e impianti per le costruzioni del CRESME, promosso da Cantiermacchine-Ascomac, registra nel 4° trimestre 2017 un ulteriore forte segnale: il mercato interno di macchine movimento terra e lavori stradali, con 4.803 macchine vendute o destinate alle flotte noleggio, cresce rispetto alle vendite realizzate nel 4° trimestre 2016 del +18,1% e si attesta come il trimestre più considerevole degli ultimi 7 anni. La netta ripresa del mercato, cominciata nel 1° trimestre 2014 e proseguita costantemente nel corso degli ultimi 4 anni, ha comportato un deciso recupero del mercato perso in questi anni di pesante crisi. La totalizzazione dei dati trimestrali raccolti nel 2017, pari a 12.769 macchine vendute o destinate alle flotte noleggio, cresce del +15,0% rispetto al 2016, del +39,9% rispetto al 2015, ma supera anche del +18,9% le vendite/noleggi registrati nel 2011, anno in cui erano state rilevate 10.741 macchine.

Osservatorio Macchine Nota Gennaio 2018 – 4 trim 2017 e EXP_IMP Ottobre 2017

logo_ascomac

Comunicato ASCOMAC – Mercato Macchine Movimento Terra – Anno 2017

Roma, 16 febbraio 2018

Analizzando i recenti dati di mercato 2017 ASCOMAC – CRESME, relativi alle vendite in Italia a Clienti utilizzatori e alle immissioni nelle flotte noleggio delle macchine per costruzioni (macchine movimento terra tradizionale, terne, mini, rulli, vibrofinitrici, dumper articolati ed escludendo i sollevatori telescopici per incomplete rilevazioni), scrivere titoli o commenti del tipo … “Macchine Movimento terra, la crisi è ormai alle spalle” è lecito se analizziamo le percentuali di incremento recente di questo mercato: + 15 % sul 2016, +44% sul 2015.

Allora tutto bene? Nì, la ripresa è innegabile e consistente ma… se applichiamo il vecchio adagio  ”si campa con i valori assoluti, non con le percentuali” ed analizziamo i  volumi espressi in numero di unità vendute o immesse nelle flotte noleggio del nostro mercato, negli anni 2005, 2006 e 2007, rileviamo una  media del triennio di 27.000 macchine delle tipologie sopra indicate, con un  picco “storico”, nel 2007, di 29.000 macchine. Possiamo quindi misurare le dimensioni della crisi epocale che abbiamo vissuto, con un  crollo verticale  del mercato che ha toccato il fondo o meglio, l’abisso, nel  2013 con 5.600 macchine: – 80% sul 2007!

Quindi nell’anno appena concluso, con circa 12.500 macchine abbiamo più che raddoppiato i volumi del 2013, ma queste macchine sono meno della metà di quelle immesse mediamente nel triennio “d’oro” 2005, 2006, 2007.

Potremo mai ritornare quindi a quei livelli di vendite? Quali potrebbero o dovrebbero essere le condizioni essenziali per una ripresa stabile e ancora più robusta? E’ noto e logico che questo nostro mercato   macchine sia strettamente correlato al mercato delle costruzioni. Abbiamo quindi chiesto la collaborazione dell’ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili, che ringraziamo) che ci ha fornito la serie storica della loro elaborazione, su dati ISTAT, del mercato delle costruzioni (tutta l’edilizia pubblica e privata, tutte le infrastrutture, tutte le manutenzioni straordinarie) ed abbiamo comparato i dati.

L’indice ha un andamento praticamente parallelo all’andamento del nostro mercato sino agli anni della crisi profonda del 2013/2014 e registra un volume di investimenti di 120.7 miliardi di euro nel 2014, -34% sul 2007, anno che  è stato il  picco positivo anche per gli investimenti in costruzioni con 183.5 miliardi di euro.

Ma dati estremamente preoccupanti sono rappresentati dai volumi degli tre ultimi anni che, in netta crescita per le macchine come visto sopra, per gli investimenti in costruzioni sono stati modesti,  in ulteriore calo rispetto al 2014: nel 2015 gli investimenti sono stati infatti di 117.4 miliardi, nel 2016  di 116.7 miliardi (dato peggiore dal 2007) e nel 2017 dovrebbero raggiungere i 117 miliardi (stima a finire): praticamente 3 anni “piatti”, al minimo storico.

La crescita del nostro mercato macchine è stata quindi spinta, quasi esclusivamente, dagli importantissimi incentivi di natura fiscale che sono stati saggiamente  prorogati anche per il 2018  (superammortamento, iperammortamento, credito di imposta, Sabatini agevolata), unita alla volontà dei nostri coraggiosi Imprenditori di rinnovare parchi macchine obsoleti.

Assolutamente doveroso e necessario quindi un pressante invito alle Autorità preposte affinché il sistema costruzioni/Infrastrutture, quale vero “motore“ del Paese, sia messo al centro delle politiche per la  crescita. Giova ricordare che ad oggi gli stanziamenti statali in conto capitale sono crollati (-43% dal 2008 al 2015) mentre le spese correnti hanno continuato a crescere.

Far ripartire il settore delle costruzioni, e con esso tutta la Filiera, comporta a livello operativo incrementare il PIL di mezzo punto in più all’anno e soprattutto recuperare oltre 600 mila posti di lavoro persi nel decennio della grande crisi.

Rilevanti le grandi ricadute positive sul mercato interno che è il mercato dei nostri Associati: 1 miliardo di euro nelle costruzioni sviluppa oltre 3,5 miliardi e, soprattutto, incide sulla occupazione su tutto il territorio nazionale creando almeno 15.500 posti di lavoro. Di fatto le costruzioni rappresentano l’8% del PIL italiano.

Occorre adottare misure che realizzino rapidamente le opere pubbliche necessarie per il benessere dei cittadini e per la crescita e la competitività del sistema industriale, distributivo e dei servizi unitamente alla necessaria  rigenerazione delle periferie e delle aree degradate e alla  manutenzione del territorio, per uno sviluppo sociale e sostenibile del nostro Paese. Queste a nostro parere le azioni  essenziali (ma non le sole) per una ripresa stabile e importante del nostro mercato che per certo contribuirebbero in modo determinante a  riportarci ai livelli pre – crisi.

        Ruggero Riva

Presidente ASCOMAC CONFCOMMERCIO

Federazione Nazionale Commercio Macchine

ACCISE SULL’ENERGIA ELETTRICA

Per Iscriversi al corso scarica qui il modulo!


alta formazione webGENERAZIONE DISTRIBUITA/CONSUMO/UTILIZZO AD ALTA EFFICIENZA DI ENERGIA TERMICA ED ELETTRICA
DA FONTI RINNOVABILI E PRODOTTI ENERGETICI

 

ACCISE SULL’ENERGIA ELETTRICA

Obiettivi
Il corso si propone di illustrare e approfondire la fiscalità energetica con riferimento alle Accise sulla energia elettrica: normativa, applicazione, contabilizzazione, procedure, gestione, esclusioni, esenzioni, aliquote ridotte, contenzioso, sanzioni

Docenti
Avv. Emanuela Pasca Partner Studio Legale e Tributario Sorrentino – Pasca – Toma
Avv. Bonaventura Sorrentino Partner Studio Legale e Tributario Sorrentino – Pasca – Toma
Ing. Giuseppe Dell’Olio Docente Esperto nel Settore Energia
Dott. Carlo Belvedere Segretario Generale Ascomac – Esperto giuridico

Roma, 27 marzo 2018
Mattina 9.30 – 13.00 | Pomeriggio 14.00 – 16.30
Hotel Royal Santina
Via Marsala, 22
00185 Roma

1. TECNOLOGIA
Impianti alimentati da fonti rinnovabili
• Idroelettrico, eolico, geotermoelettrico, termoelettrico a biogas e biomasse, ibrido, marini
Unità di cogenerazione ad alto rendimento alimentati da
• Fer, gas naturale, gpl, gasolio, olio combustibile, idrogeno, altro
Contabilizzazione dell’energia

2. FISCALITÀ NELLA POLITICA AMBIENTALE E COGENERAZIONE
• Principi comunitari e normativa nazionale

3. ACCISE
Criteri di tassazione, agevolazioni, esenzioni – obblighi e adempimenti
• disciplina europea e nazionale
• produzione-autoproduzione-consumo-utilizzo di energia elettrica e termica
• officina elettrica
• sanzioni
• tassazione e fonti di produzione di energia elettrica:
fonti rinnovabili e fonti convenzionali
Fiscalità relativa alla produzione di energia elettrica e
termica nella cogenerazione

QUESTION TIME
11.30 Coffee break   |   13.00 – 14.00 Light lunch
L’evento è destinato prevalentemente alle Imprese fabbricanti, distributori di tecnologie, prodotti e servizi nel settore energetico, alle “imprese clienti finali” e, in via specifica, a coloro che ricoprono le cariche di amministratore, direttore generale, direttore tecnico, responsabile commerciale settore pubblico, responsabile ufficio gare e contratti, responsabile ufficio legale e tributario, professionisti tecnici, periti industriali, geometri, architetti, ingegneri.

Sices_logo-R

Sices: estensione garanzia a 5 anni

I nostri 40 anni di esperienza nella produzione di energia ci hanno permesso di capire perfettamente quanto siano importanti qualità ed affidabilità.

Il costo delle nostre schede è irrilevante, se paragonato al costo causato da un guasto sull’impianto. Tutti i nostri prodotti hanno superato i più rigidi controlli di qualità durante i processi di progettazione e produzione.
Sottoponiamo tutti i Controllers ad un burn-in test della durata di 48 ore, in modo da eliminare ogni possibilità di guasti precoci.
Le schede di controllo SICES sono state progettate e prodotte per durare nel tempo e pertanto possiamo permetterci di proporre un servizio di assistenza“senza pensieri” di lunga durata. Non facciamo false promesse!!