MinSviluppoEconomico

Impresa 4.0, iperammortamento: nuovi chiarimenti

Circolare del Ministero dello sviluppo economico 23 maggio 2018, n. 177355

 “Agevolazione agli investimenti in beni strumentali per la trasformazione tecnologica e digitale, di cui all’art. 1, commi 9-11, della legge n. 232 del 2016: c.d. “iper ammortamento” – Ulteriori chiarimenti concernenti l’individuazione dei beni agevolabili e il requisito dell’interconnessione.”.

“A seguito delle numerose richieste di parere tecnico pervenute in materia di iper-ammortamento, è online la circolare direttoriale del 23 maggio 2018 che fornisce chiarimenti sulla portata dei requisiti obbligatori dell’interconnessione e dell’integrazione automatizzata, e sull’applicazione del beneficio a tipologie di beni strumentali materiali non specificati negli esempi nella circolare del 30 marzo 2017 e nelle FAQ pubblicate in data 19 maggio e 12 luglio.

Tra i casi presi in esame dalla circolare, si segnala in particolare il trattamento ai fini della misura agevolativa di:

  • impianti tecnici di servizio agli impianti produttivi
  • macchine di sterilizzazione impiegate nel settore sanitario
  • sistemi di illuminazione e dei distributori automatici (c.d. vending machine)

Vengono fornite, inoltre, ulteriori indicazioni per meglio qualificare i concetti di guida automatica e semiautomatica e per chiarire alcune fattispecie riconducibili ai “Sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità”.

(Fonte: MiSE)

Agenzia entrate

ECOBONUS – CESSIONE DEL CREDITO

Agenzia delle Entrate – Circolare n. 11/E

Cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per interventi di efficienza energetica. – Articolo 14 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90

 L’articolo 14 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90, disciplina, tra l’altro, la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per le spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica effettuati su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari.

 Le relative modalità attuative sono state definite da ultimo con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate 28 agosto 2017, prot. n. 165110.

 I documenti di prassi richiamati sono pubblicati nella banca dati documentazione tributaria, sul sito www.agenziaentrate.gov.it.

  La presente circolare fornisce chiarimenti in merito all’ambito applicativo della cessione del credito d’imposta anche alla luce delle modifiche introdotte dalla legge 27 dicembre 2017, n. 205 (d’ora in avanti legge di bilancio 2018), fermo restando che le modalità operative della cessione del credito da ultimo introdotte, a partire dal corrente anno, saranno disciplinate attraverso l’emanazione di un nuovo Provvedimento.

(Fonte: Agenzia Entrate)

Presidenza della Repubblica

Anniversario della Strage di Capaci

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

«Sono trascorsi ventisei anni dalla strage mafiosa di Capaci, che spezzò la vita di Giovanni Falcone, della moglie, il magistrato Francesca Morvillo, e di tre uomini della scorta, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani.

La memoria del loro impegno e il loro sacrificio sono divenuti parte della coscienza civile e democratica del Paese, e costituiscono un riferimento prezioso per la comunità nazionale.

Con mezzi disumani la mafia ha perseguito, e ancora persegue, finalità eversive.

Falcone ci ha dimostrato che la civiltà, la legalità, la Costituzione, possono prevalere su chi le minaccia e vuole destabilizzarle. Il ricordo di Falcone è indissolubilmente legato a quello di Paolo Borsellino, ucciso con analoga brutalità a due mesi di distanza, insieme ad altri servitori dello stato, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Claudio Traina.

Falcone e Borsellino ebbero l’intelligenza e il coraggio di colpire l’organizzazione mafiosa come prima non si era fatto.

Il maxi processo, da loro istruito, mostrò la mafia come fenomeno unitario, dotato di gerarchia interna, di tentacoli, complicità e collusioni, e consentì in tribunale condanne importanti. Dal lavoro di Falcone e Borsellino scaturirono anche metodi di indagine più moderni, oltre che proposte organizzative e legislative che hanno consentito azioni di contrasto più efficaci.

Tanti successi sono stati ottenuti, grazie al valore e all’abnegazione di uomini dello stato. E la forza della legalità non si fermerà davanti alle nuove strategie mafiose.

La mafia verrà sconfitta. Il testimone che i due magistrati ci hanno consegnato camminerà “sulle gambe di altri uomini”, come ebbe a dire lo stesso Giovanni Falcone. Con questo spirito desidero esprimere la mia vicinanza e la mia solidarietà ai familiari dei caduti e a tutti i cittadini che oggi si riuniranno per consolidare, nel ricordo, il proprio impegno civile».

Roma, 23 maggio 2018

mcter-cogenerazione

ASCOMAC Cogena – Intervento al mcTER di Roma – 15 maggio 2018

In occasione di mcTER Roma il 15 maggio il Dott. Carlo Belvedere, Segretario Generale, terrà un intervento dal titolo “Cogener-Azione per l’impresa a impatto zero. Fiscalità ambientale ed energetica”, nel contesto del Convegno “Cogenerazione 4.0 Innovazione, efficienza energetica e sostenibilità. Nuovi incentivi”.

Con piacere, Vi invitiamo a partecipare utilizzando questo invito omaggio.

ISPRA

ISPRA – Monitoraggio pesticidi nelle acque

Monitoraggio nazionale dei pesticidi nelle acque. Indicazioni per la scelta delle sostanze

(Fonte: ISPRA)

 Nell’ambito del monitoraggio nazionale dei pesticidi nelle acque, l’ISPRA svolge una funzione di coordinamento e indirizzo tecnico-scientifico nei confronti di Regioni e Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente. Il presente documento amplia e aggiorna le informazioni utili per la scelta delle sostanze da considerare nella programmazione del monitoraggio, già fornite in precedenti documenti di indirizzo predisposti dall’Istituto.

 Tali informazioni riguardano le sostanze rilevanti individuate dalla normativa comunitaria e nazionale, i dati di vendita, la pericolosità, i dati di monitoraggio e le indicazioni ottenute con l’utilizzo di indici di previsione dell’esposizione.

 Nel documento è inoltre trattato il tema dei prodotti di degradazione, tuttora poco considerati nei programmi di monitoraggio e viene affrontato in via preliminare il tema della priorità per i sedimenti. Viene presentata infine la problematica delle miscele, per i possibili effetti cumulativi, di cui si dovrebbe tener conto nella programmazione del monitoraggio.

Scarica la pubblicazione

Sices_logo-completo_pos_R-in_66

MC400 La Soluzione competitiva per le Tue applicazioni di parallelo

Scheda di controllo utilizzata nelle applicazioni di parallelo tra GC400 e una o più reti.

  • Soluzione competitiva e configurabile per le applicazioni di parallelo
  • Parallelo fino a 16 reti
  • Peak shaving / Peak looping
  • Display LCD di facile lettura
  • Registro eventi
  • Funziona con la GC400
  • 5 anni di garanzia
  • Design Italiano

 

ministero-trasporti

D.M. n. 214/2017 – REVISIONE VEICOLI

D.M. n. 214/2017

Recepimento della direttiva 2014/47/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014, relativa ai controlli tecnici su strada dei veicoli commerciali circolanti nell’Unione e che abroga la direttiva 2000/30/CE

Dal 20 maggio 2018 entrerà in vigore Il Decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 19 maggio 2017, n. 214  in materia di revisione veicoli

Il provvedimento

  • recepisce la direttiva 2014/45/UE, relativa ai controlli periodici dei veicoli a motore e dei loro rimorchi, che aveva abrogato la direttiva 2009/40/CE, la quale, a sua volta, aveva abrogato la direttiva 96/96/CEE che era stata recepita dal decreto 408/98
  • riguarda la revisione dei veicoli M1, M2, M3 (veicoli trasporto persone) – N1, N2, N3 (veicoli trasporto cose) – O1, O2, O3, O4 (rimorchi) – L1e, L2e, L33, L4e, L5e, L6e, L7e (ciclomotori e motoveicoli) – T1b, T2b, T3b, T4b, T5 (trattori a ruote con velocità massima di progetto superiore a 40 km/h)
  • si applica ai veicoli atipici (esclusi i veicoli di interesse storico e collezionistico – revisione con le scadenze ordinarie previste per categoria, ex D.M. 17.12.2009)

E’ prevista la istituzione della figura dell’Ispettore Autorizzato che dal 20/05/2018 sostituirà sostituire il Responsabile Tecnico (RT) nei centri di controllo privati e dovrà essere in possesso dei requisiti minimi di competenza.

Invariata la cadenza delle revisioni: annuale per i veicoli M2, M3, N2, N3, O3, O4, e per i veicoli M1 o L motoveicoli in servizio di piazza o NCC e per i veicoli atipici.