banner_1024X512_iscriviti

ECOMONDO – Stati Generali della Green Economy – Fiera di Rimini, 5 e 6 novembre 2019

Iscriviti agli Stati Generali della Green Economy 2019

 L’ottava edizione degli SGGE2019, quest’anno dedicata al tema “Green New Deal e sfida climatica: obiettivi e percorso al 2030” si svolgerà il 5 e 6 novembre 2019 alla Fiera di Rimini di Italian Exhibition Group, nell’ambito di Ecomondo.

Partecipare è semplice. Basta seguire gli step riportati di seguito e procedere con la registrazione online:

  • accedere alla pagina di registrazione su statigenerali.org/partecipa/
  • effettuare la registrazione online inserendo i propri dati personali
  • l’iscrizione è completa! È necessario solo stampare il biglietto o salvarlo sul telefono e conservarlo per l’ingresso in fiera per evitare le code

L’iscrizione è gratuita. C’è tempo fino al 4 Novembre!

Il programma di dettaglio sarà disponibile a breve, intanto consultate il calendario delle sessioni: Calendario

La sessione plenaria di apertura degli Stati Generali 2019 vedrà la presentazione della Relazione 2019 sullo stato della green economy, una fotografia della situazione attuale della green economy che conterrà anche un approfondimento sugli impatti economici della crisi climatica, e delle Proposte per un Green New Deal, elaborate dal Consiglio Nazionale e rivolte ai decisori politici del Parlamento e del Governo.

5 novembre mattina, in Sala Neri – hall Sud

La sessione plenaria internazionale quest’anno è dedicata a “Clima e Green New Deal: i trend internazionali e il ruolo delle imprese”, per un confronto tra autorevoli relatori istituzionali a livello mondiale a cui seguirà la consueta tavola rotonda dedicata alle imprese.

6 novembre mattina, in Sala Neri 1 – hall Sud

Le quattro sessioni tematiche di approfondimento si svolgeranno tra il 5 e il 6 novembre:

  • 5/11: Il Green New Deal per le città: un Programma Nazionale di rigenerazione urbana – in collaborazione con il Green City Network
  • 5/11: Il Green New Deal per la circular economy: indirizzi per il recepimento delle Direttive e le necessarie infrastrutture – in collaborazione con il Circular economy network
  • 5/11: Il Green New Deal per il territorio: il ruolo delle imprese per valorizzare l’agricoltura e il capitale naturale – in collaborazione con Ministero delle politiche agricole*
  • 6/11: Green New Deal per la mobilità: less, electric, green, shared – muoversi con leggerezza – in collaborazione con l’Osservatorio nazionale sharing mobilità

Fonte: Extra comunicazione

gazzetta-ufficiale

LEGGE 4 ottobre 2019, n. 117

Legge 4 ottobre 2019, n. 117 di delegazione europea 2018

La Legge 4 ottobre 2019, n. 117 di delegazione europea 2018 recante “Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione europea – Legge di delegazione europea 2018”, pubblicata sulla G.U. 18 ottobre 2019, n.245, in vigore il 2/11/2019, prevede l’attuazione di n. 26 Direttive.

Segnalazione

Ambiente

Articolo 13 – Delega al Governo per l’attuazione della direttiva (UE) 2018/410, che   modifica la direttiva 2003/87/CE per sostenere una riduzione  delle   emissioni più efficace sotto il profilo  dei  costi  e  promuovere   investimenti a favore di basse emissioni di carbonio e la decisione   (UE) 2015/1814, nonche’ per l’adeguamento della normativa nazionale   alle disposizioni del regolamento (UE) 2017/2392, recante  modifica   della direttiva 2003/87/CE al fine di mantenere gli attuali  limiti   dell’ambito di applicazione relativo alle  attività  di  trasporto

aereo e introdurre alcune disposizioni in vista dell’attuazione  di   una misura mondiale basata sul mercato  a  decorrere  dal  2021, e della decisione  (UE)  2015/1814, relativa  all’istituzione  e  al  funzionamento  di  una  riserva  stabilizzatrice  del  mercato  nel   sistema dell’Unione per lo scambio di quote di emissione dei gas  a   effetto serra e recante modifica della direttiva 2003/87/CE.

Articolo 14 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della  direttiva  (UE)   2018/849, che modifica le  direttive 2000/53/CE relativa ai  veicoli   fuori uso, 2006/66/CE relativa a pile e accumulatori e  ai  rifiuti   di pile e accumulatori e 2012/19/UE sui rifiuti di  apparecchiature   elettriche ed elettroniche.

Articolo 15 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della direttiva  (UE)  2018/850,  che  modifica  la  direttiva  1999/31/CE  relativa  alle   discariche di rifiuti.

Articolo 16 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della direttiva (UE) 2018/851, che modifica la direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti, e della direttiva (UE) 2018/852,  che modifica  la  direttiva  1994/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.

Articolo 26 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione  della  direttiva  (UE)   2017/159, recante attuazione dell’accordo  relativo  all’attuazione della Convenzione sul lavoro  nel  settore  della  pesca  del  2007  dell’Organizzazione internazionale del lavoro.

Sicurezza

Articolo 17 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della direttiva  (UE)   2017/2108, che  modifica  la  direttiva  2009/45/CE,  relativa  alle   disposizioni e norme di sicurezza per le navi da passeggeri).

 Articolo 18 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione  della  direttiva  (UE)   2017/2109,  che  modifica la direttiva  98/41/CE  del  Consiglio, relativa alla registrazione delle persone a  bordo  delle  navi  da  passeggeri che effettuano viaggi da e verso i  porti  degli  Stati  membri della Comunità, e la direttiva  2010/65/UE  del  Parlamento   europeo e del Consiglio, relativa alle formalità di  dichiarazione   delle navi in arrivo e/o in partenza da porti degli Stati membri.

 Articolo 19 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della  direttiva  (UE)  2017/2110, relativa a un sistema di ispezioni  per  l’esercizio in condizioni di sicurezza di navi ro-ro da  passeggeri  e di unità veloci da passeggeri adibite a servizi di linea e che  modifica  la direttiva 2009/16/CE e abroga la direttiva 1999/35/CE del Consiglio.

 Articolo 20 – Principi e criteri direttivi  per  l’attuazione  della  direttiva   2013/59/Euratom, che stabilisce  norme  fondamentali  di  sicurezza   relative alla protezione contro i  pericoli  derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti, e che abroga le direttive   89/618/Euratom, 90/641/Euratom,  96/29/Euratom, 97/43/Euratom e 2003/122/Euratom.

 Articolo 21 – Delega al Governo per l’adeguamento della normativa nazionale alle   disposizioni del regolamento (UE) 2017/821, che stabilisce obblighi   in   materia di dovere di diligenza nella catena di approvvigionamento per  gli  importatori  dell’Unione  di  stagno,   tantalio e tungsteno, dei loro minerali, e  di  oro,  originari  di   zone di conflitto o ad alto rischio.

 Energia

Articolo 23 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della  direttiva  (UE)  2018/844, che modifica la direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia e la direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica.

Articolo 24 – Delega al Governo per l’adeguamento della normativa nazionale alle   disposizioni del regolamento (UE) 2017/1938, concernente misure volte a garantire la sicurezza dell’approvvigionamento di gas e che  abroga il regolamento (UE) n. 994/2010.

Articolo 25 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della direttiva (UE)  2019/692, che modifica la direttiva 2009/73/CE relativa a norme comuni per il mercato interno del gas naturale.