mef

Legge Stabilità – Il Governo approva la Nota di aggiornamento al DEF

Nella riunione del 27 settembre il Consiglio dei Ministri ha approvato la Nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2016.

La Nota aggiorna il quadro macroeconomico tendenziale e definisce il programma di finanza pubblica per il triennio 2017-2019.

Con una economia globale in rallentamento, la ripresa in Italia nel 2016 è stimata in lieve accelerazione rispetto al 2015. Il programma economico-finanziario del Governo per il 2017 si pone l’obiettivo di stimolare la crescita e al tempo stesso di proseguire nel percorso di riduzione del rapporto deficit/PIL.

Infatti il quadro programmatico contempla nel prossimo anno una crescita del Prodotto interno lordo in ragione dell’1,0% rispetto all’anno in corso mentre il deficit è atteso in diminuzione al 2,0% del PIL (era pari al 3,0% nel 2014, al 2,6% nel 2015, viene stimato al 2,4% nel 2016).

In particolare:

“Il nuovo Codice degli appalti, entrato in vigore il 19 aprile 2016, attua una riforma profonda e strutturale del settore, nel solco degli obiettivi definiti dalla legge delega. In questa ottica il nuovo codice introduce numerose innovazioni che cambiano significativamente l’impostazione complessiva del mercato degli appalti pubblici. Tra le novità c’è l’introduzione del Piano Generale dei Trasporti e della Logistica che sostituisce il Piano Infrastrutture Strategiche della ‘Legge Obiettivo’ allegato al DEF.
Il nuovo sistema è incentrato sulla qualità: innanzitutto qualità tecnico- economica e centralità del progetto, al fine di eliminare il continuo ricorso a varianti, causa principale del lievitare dei costi delle opere pubbliche, e previsione del progetto esecutivo a base di gara; qualità degli operatori economici, con l’introduzione di elementi di accreditamento delle imprese, quali il rating di legalità; qualità delle stazioni appaltanti, attraverso la riduzione del numero complessivo e la loro professionalizzazione; qualità dell’offerta, attraverso il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa quale criterio ordinario per l’aggiudicazione, in linea con gli orientamenti europei.

Si tratta di un codice auto-applicativo che lascia ampio spazio alle scelte delle amministrazioni, coniugando flessibilità e discrezionalità analogamente a quanto avviene in tutti i paesi europei, promuovendo un’amministrazione capace di interloquire con il sistema delle imprese. Il 2016 è stato caratterizzato da un’intensa attività attuativa.”

“Prosegue infine l’attuazione delle misure per favorire la transizione verso una economia più circolare e migliorare l’efficienza e la sostenibilità dell’uso delle risorse, quali la predisposizione e l’aggiornamento entro il 2016 della strategia nazionale di sviluppo sostenibile, l’estensione a tutte le gare di appalto dei criteri ambientali minimi, la predisposizione di un piano d’azione nazionale su consumo e produzioni sostenibili nonché di uno schema nazionale volontario di qualità ambientale (‘Made Green in Italy’).”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*