Logo_del_Corpo_Nazionale_dei_Vigili_del_Fuoco.svg - Copia (003)

VIGILI DEL FUOCO – LINEE GUIDA INCIDENTI AUTO ELETTRICHE-IBRIDE

Vigili del Fuoco

Linee Guida per incidenti che coinvolgono auto elettriche-ibride

Schede Tecniche

Predisposte delle linee guida in caso di intervento su veicoli elettrici

Gli interventi di soccorso su veicoli ibridi o elettrici è sempre più frequente. Questo impone la necessità di conoscere le nuove insidie per consentire agli operatori del soccorso di intervenire in sicurezza.

Un gruppo di Vigili del fuoco ha affrontato la questione sui rischi connessi a un intervento in presenza di questi moderni sistemi di accumulo elettrochimico e ha predisposto delle specifiche linee guida che possano aiutare i soccorritori nella valutazione e nell’individuazione di specifiche procedure d’intervento in caso di scenari incidentali di questo tipo. La trattazione, in versione ancora non definitiva, vuole illustrare e informare sulle problematiche inerenti alla sicurezza elettrica nei sistemi di accumulo in generale, utilizzati in impianti FTV ed AUTOMOTIVE. In particolare, si vuole porre in risalto e definire alcune linee guida per poter eseguire le operazioni di soccorso in presenza dei suddetti sistemi, seguendo le normative di riferimento per il lavoro elettrico sotto tensione e fuori tensione.

Quella che viene proposta in questa sede, dunque, è una panoramica sui fattori di rischio che interessano direttamente il soccorritore, una rassegna generale sugli azionamenti elettrici e i supporti energetici che l’operatore deve conoscere e saper riconoscere durante il proprio lavoro.

La documentazione è composta da un documento generale – le Linee Guida – e da una serie di schede techiche di approfondimento che, nel tempo, verranno integrate e ampliate

Allegati

Fonte: Vigili del Fuoco

ENEA Logo

ENEA – Diagnosi energetiche – Linee guida e indicazioni operative

ENEA

Portale Audit102 Diagnosi energetiche

 E’ online il nuovo portale Audit102 per l’invio delle diagnosi energetiche (art. 8 D.Lgs. 102/2014) al link https://audit102.enea.it

Linee guida ENEA e indicazioni operative

Di seguito vengono fornite le linee guida ENEA e relative procedure su come affrontare le diagnosi energetiche previste dall’articolo 8 del Decreto legislativo n.102/14 e s.m.i.

1) Definizioni e normativa di riferimento

2) Linee Guida e Manuale Operativo Diagnosi Energetiche: Clusterizzazione,        Rapporto di diagnosi e Piano di monitoraggio

3) Portale per l’invio delle diagnosi e istruzioni disponibili al link “Audit 102

Ulteriore documentazione: Linee Guida Settoriali e impostazione della diagnosi energetica delle attività di Trasporto.

Diagnosi energetiche per organizzazioni con sistema di gestione dell’energia certificato ISO 50001

È pubblicata la matrice di sistema per Organizzazioni con sistema di gestione dell’energia certificato ISO 50001. Per maggiori dettagli sono disponibili i chiarimenti MiSE sul tema.

Format “tipo” di Matrice di Sistema relativa alla conformità con requisiti di cui all’Allegato 2 D.Lgs.102/14 del Sistema di Gestione dell’Energia certificato ISO 50001

 Comunicazione dei risparmi art. 7 comma 8

L’articolo 7 comma 8 del D.Lgs. 102/14 prevede che “i risparmi di energia per i quali non siano stati riconosciuti i titoli di efficienza energetica rispetto all’anno precedente e in condizioni normalizzate, riscontrabili dai bilanci energetici predisposti da imprese che attuano un sistema di gestione dell’energia conforme alla norma ISO 50001, e dagli audit previsti dal presente decreto sono comunicati dalle imprese all’ENEA e concorrono al raggiungimento degli obiettivi di cui al presente articolo. 

Informazioni e indicazioni sulle modalità di comunicazione e sui format da utilizzare sono disponibili nella pagina dedicata. Le FAQ sul tema sono disponibili nella sezione dedicata.

Ulteriori informazioni

Per l’invio delle diagnosi e relativa documentazione far riferimento alla pagina “Audit 102

Per informazioni e chiarimenti scrivere a: diagnosienergetica@enea.it

Bandi, schemi di accreditamento e chiarimenti sul tema sono disponibili alla pagina web del MiSE dedicata alle diagnosi energetiche

Gli elenchi e gli aspetti procedurali in merito ai soggetti energivori sono disponibili nella sezione dedicata del sito della Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali (CSEA) 

Sono disponibili le FAQ relative alla rendicontazione dei risparmi ai sensi dell’articolo 7 comma 8 del D.Lgs. 102/14 e s.m.i.

 

Fonte: ENEA

ISPRA

ISPRA – Linee guida per valutazione e redazione dei documenti della VAS

Linee guida per l’analisi e la caratterizzazione delle componenti ambientali a supporto della valutazione e redazione dei documenti della VAS.

Le  Linee guida forniscono indicazioni metodologiche e operative per l’analisi e la caratterizzazione delle componenti ambientali pertinenti a piani/programmi di diversi settori e scale territoriali nell’ambito dell’analisi del contesto ambientale interessato dal piano/programma. L’analisi del contesto costituisce una delle principali  attività della VAS descritte nel Rapporto ambientale.

Le indicazioni, fornite nelle Linee guida, sono a supporto sia della formulazione delle osservazioni/pareri sui documenti di VAS in consultazione sia della redazione dei documenti stessi.

Le Linee guida sono organizzate per componenti ambientali: Acqua, Aria, Biodiversità, Fattori climatici, Paesaggio e Beni culturali, Suolo, più una sezione dedicata alla caratterizzazione degli aspetti pertinenti l’analisi del contesto ambientale per la pianificazione urbanistica comunale e intercomunale.

Seguendo le indicazioni fornite è possibile evidenziare per ciascuna componente, le criticità e/o “questioni” peculiari per l’ambito territoriale di influenza del piano/programma sulle quali lo stesso piano/programma potrebbe incidere agendo sui fattori d’impatto nonché direttamente sulla qualità ambientale, tenendo sempre in riferimento i principali obiettivi di sostenibilità ambientali.

Scarica la pubblicazione

.

Dissesto idrogeologico

Linee Guida per la demolizione delle opere in aree a rischio idrogeologico

Pubblicato il Decreto 22 luglio 2016 contenente i modelli e linee guida relativi alla procedura per la presentazione della domanda di concessione per l’accesso ai finanziamenti per gli interventi di rimozione o di demolizione delle opere o degli immobili realizzati in aree soggette a rischio idrogeologico elevato o molto elevato ovvero dei quali viene comprovata l’esposizione a rischio idrogeologico in assenza o in totale difformità’ dal permesso di costruire.

Il provvedimento è collegato all’Art. 52 della Legge 28 dicembre 2015, n. 221  Disposizioni in materia di immobili abusivi realizzati in aree soggette a rischio idrogeologico elevato o molto elevato ovvero esposti a rischio idrogeologico.

Il co. 1) prevede  che: “1. Nello stato di previsione della spesa del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e’ istituito un capitolo per il finanziamento di interventi di rimozione o di demolizione, da parte dei comuni, di opere e immobili realizzati, in aree soggette a rischio idrogeologico elevato o molto elevato, ovvero di opere e immobili dei quali viene comprovata l’esposizione a rischio idrogeologico, in assenza o in totale difformità‘ del permesso di costruire.”

anac

ANAC – D. Lgs. 50 2016 – Appalti e Contratti – linea guida n. 2 offerta economicamente più vantaggiosa

Pubblicata sulla G. U. la Delibera 21 settembre 2016  –  Linee guida n. 2 di attuazione del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, recanti «Offerta economicamente più vantaggiosa».