1343-eco-key_logo-3ad4a5549b9acfb6

Ascomac Confcommercio Imprese per l’Italia a Ecomondo-Key Energy

Atti Workshop

 Key Energy

Sistemi efficienti di utenza – Ruolo e impatto dell’Autoconsumo nei  settori industriale, residenziale, agricolo, terziario: aspetti sociali, legali, fiscali, amministrativi, regolatori alla luce delle Direttive UE e del PNIEC

 Ecomondo

Strumenti operativi per la Sicurezza, Responsabilità sociale, Innovazione, Sostenibilità di Impresa

Nell’ambito di Ecomondo-Key Energy, Ascomac Confcommercio Imprese per l’Italia ha promosso e realizzato due Workshop su Temi “interconnessi” di assoluto rilievo per l’Impresa: “Energia e Sicurezza” finalizzate a “Responsabilità sociale e Sostenibilità”

Grazie alle Competenze e alla Passione dei Relatori, i Workshop hanno attuato un importante momento di “incontro e di confronto” non tanto su proposte ma e soprattutto su progetti attuati e realizzati per il cliente finale – in sintesi dalla Parole ai Fatti – suscitando l’interesse  degli Operatori/Clienti finali e confermando il percorso da tempo intrapreso da Ascomac per la Competitività Sicura e Sostenibile di Impresa fondata sulla realizzazione della Filiera innovativa e sostenibile: prodotti, forniture, servizi – imprese, siti, infrastrutture – clienti finali, utenti.

Atti Workshop Key Energy

Atti Workshop Ecomondo

gazzetta-ufficiale

LEGGE 4 ottobre 2019, n. 117

Legge 4 ottobre 2019, n. 117 di delegazione europea 2018

La Legge 4 ottobre 2019, n. 117 di delegazione europea 2018 recante “Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione europea – Legge di delegazione europea 2018”, pubblicata sulla G.U. 18 ottobre 2019, n.245, in vigore il 2/11/2019, prevede l’attuazione di n. 26 Direttive.

Segnalazione

Ambiente

Articolo 13 – Delega al Governo per l’attuazione della direttiva (UE) 2018/410, che   modifica la direttiva 2003/87/CE per sostenere una riduzione  delle   emissioni più efficace sotto il profilo  dei  costi  e  promuovere   investimenti a favore di basse emissioni di carbonio e la decisione   (UE) 2015/1814, nonche’ per l’adeguamento della normativa nazionale   alle disposizioni del regolamento (UE) 2017/2392, recante  modifica   della direttiva 2003/87/CE al fine di mantenere gli attuali  limiti   dell’ambito di applicazione relativo alle  attività  di  trasporto

aereo e introdurre alcune disposizioni in vista dell’attuazione  di   una misura mondiale basata sul mercato  a  decorrere  dal  2021, e della decisione  (UE)  2015/1814, relativa  all’istituzione  e  al  funzionamento  di  una  riserva  stabilizzatrice  del  mercato  nel   sistema dell’Unione per lo scambio di quote di emissione dei gas  a   effetto serra e recante modifica della direttiva 2003/87/CE.

Articolo 14 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della  direttiva  (UE)   2018/849, che modifica le  direttive 2000/53/CE relativa ai  veicoli   fuori uso, 2006/66/CE relativa a pile e accumulatori e  ai  rifiuti   di pile e accumulatori e 2012/19/UE sui rifiuti di  apparecchiature   elettriche ed elettroniche.

Articolo 15 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della direttiva  (UE)  2018/850,  che  modifica  la  direttiva  1999/31/CE  relativa  alle   discariche di rifiuti.

Articolo 16 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della direttiva (UE) 2018/851, che modifica la direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti, e della direttiva (UE) 2018/852,  che modifica  la  direttiva  1994/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.

Articolo 26 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione  della  direttiva  (UE)   2017/159, recante attuazione dell’accordo  relativo  all’attuazione della Convenzione sul lavoro  nel  settore  della  pesca  del  2007  dell’Organizzazione internazionale del lavoro.

Sicurezza

Articolo 17 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della direttiva  (UE)   2017/2108, che  modifica  la  direttiva  2009/45/CE,  relativa  alle   disposizioni e norme di sicurezza per le navi da passeggeri).

 Articolo 18 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione  della  direttiva  (UE)   2017/2109,  che  modifica la direttiva  98/41/CE  del  Consiglio, relativa alla registrazione delle persone a  bordo  delle  navi  da  passeggeri che effettuano viaggi da e verso i  porti  degli  Stati  membri della Comunità, e la direttiva  2010/65/UE  del  Parlamento   europeo e del Consiglio, relativa alle formalità di  dichiarazione   delle navi in arrivo e/o in partenza da porti degli Stati membri.

 Articolo 19 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della  direttiva  (UE)  2017/2110, relativa a un sistema di ispezioni  per  l’esercizio in condizioni di sicurezza di navi ro-ro da  passeggeri  e di unità veloci da passeggeri adibite a servizi di linea e che  modifica  la direttiva 2009/16/CE e abroga la direttiva 1999/35/CE del Consiglio.

 Articolo 20 – Principi e criteri direttivi  per  l’attuazione  della  direttiva   2013/59/Euratom, che stabilisce  norme  fondamentali  di  sicurezza   relative alla protezione contro i  pericoli  derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti, e che abroga le direttive   89/618/Euratom, 90/641/Euratom,  96/29/Euratom, 97/43/Euratom e 2003/122/Euratom.

 Articolo 21 – Delega al Governo per l’adeguamento della normativa nazionale alle   disposizioni del regolamento (UE) 2017/821, che stabilisce obblighi   in   materia di dovere di diligenza nella catena di approvvigionamento per  gli  importatori  dell’Unione  di  stagno,   tantalio e tungsteno, dei loro minerali, e  di  oro,  originari  di   zone di conflitto o ad alto rischio.

 Energia

Articolo 23 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della  direttiva  (UE)  2018/844, che modifica la direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia e la direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica.

Articolo 24 – Delega al Governo per l’adeguamento della normativa nazionale alle   disposizioni del regolamento (UE) 2017/1938, concernente misure volte a garantire la sicurezza dell’approvvigionamento di gas e che  abroga il regolamento (UE) n. 994/2010.

Articolo 25 – Principi e criteri direttivi per l’attuazione della direttiva (UE)  2019/692, che modifica la direttiva 2009/73/CE relativa a norme comuni per il mercato interno del gas naturale.

 

1343-eco-key_logo-3ad4a5549b9acfb6

Ascomac Confcommercio Imprese per l’Italia a Ecomondo-Key Energy

ASCOMAC CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L’ITALIA

a Ecomondo – Key Energy – Dpe    

 Stand Padiglione B5 stand n. 074

Al piacere di incontrarci insieme alle Imprese Associate partecipanti

 Vi invitiamo ai Workshop

Sistemi efficienti di utenza – Ruolo e impatto dell’Autoconsumo nei  settori industriale, residenziale, agricolo, terziario: aspetti sociali, legali, fiscali, amministrativi, regolatori alla luce delle Direttive UE e del PNIEC

 Rimini, 7 novembre 2019 ore 9.30 – 13.00

Padiglione B6 – Sala Tulipano

 Obiettivo del Convegno è promuovere/attuare lo sviluppo innovativo e sostenibile dell’Impresa/Cliente finale in base a:

  • recepimento immediato delle normative europee di autoconsumo e energy communities, strumenti sociali e responsabili per la rapida decarbonizzazione, attraverso il coinvolgimento, da passivo a attivo, sociale e responsabile del Concittadino non più soltanto al consumo ma e soprattutto alla generazione/consumo/utilizzo integrato di risorse energetiche rinnovabili, in base a tecnologie e sistemi ad alta efficienza
  • revisione, semplificazione e stabilizzazione legislativa, amministrativa, regolatoria nel settore energetico di generazione/autoproduzione, consumo/autoconsumo, utilizzo e sistemi alternativi ad alta efficienza di energia alimentati da fonti rinnovabili e da combustibili alternativi di cui al D.Lgs. n. 257/2016
  • revisione degli attuali sistemi di incentivazione distinguendo l’aiuto all’investimento e il sostegno all’esercizio

evidenziando, nel contempo, i progetti e le soluzioni di impresa realizzate per la Sostenibilità

 ***

Strumenti operativi per la Sicurezza, Responsabilità sociale, Innovazione, Sostenibilità di Impresa

Rimini, 7 novembre 2019 ore 15.00 – 16.15

Padiglione A6 – Sala Acero I° piano

 Sicurezza negli ambiti industriali attraverso sistemi anticollisione e prevenzione investimento pedoni, Salute con particolare attenzione alla qualità dell’aria all’interno dei mezzi di lavoro attraverso l’utilizzo di pressurizzatori, Ambiente sostenibile attraverso metodi di riduzione dei consumi di carburante e quindi minori emissioni attraverso il sussidio di sistemi di raffreddamento intelligenti.

***

Speech S.I.C.E.S. Srl 

Zero Emission System for Mobile Diesel Generator

Rimini, 5 Novembre 2019 ore 16.45 – 17.15 – Agorà DPE

 ***

Per l’ingresso in Fiera vai su https://www.keyenergy.it/visita/reserved-area/ticket;

Accedi all’area riservata ai visitatori; Attiva il tuo codice invito e stampa il biglietto.

Il Codice Invito ASCOMAC è il seguente: F5KEY    

inail

INAIL – PROBLEMATICHE SICUREZZA E DINAMICHE INFORTUNISTICHE IN AMBITO PORTUALE

INAIL 

Infor.MO

Problematiche di sicurezza e dinamiche infortunistiche in ambito portuale  (edizione Schede 2019)

 In questa scheda vengono analizzati i casi di infortunio avvenuti in ambito portuale disponibili nell’archivio Infor.Mo. L’archivio dispone, ad oggi, di un repertorio di 7.443 infortuni (4.625 mortali e 2.818 gravi) avvenuti nel periodo 2002 – 2015.

Tale scheda rientra tra le attività collegate alla ricerca discrezionale Gestione integrata della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro. Gestione integrata nel settore marittimo-portuale.

La disamina ha preso in considerazione tutti gli eventi registrati ‘nell’ambiente porto’, considerando quindi sia quelli specifici del ciclo di lavoro portuale, che quelli ad esso collegati in particolare per i rischi di interferenza tra mezzi/attrezzature/uomo, tra lavorazioni differenti e tra ambienti differenti (mare-terra-nave, pubblico-privato).

Si precisa inoltre che il personale riconducibile ad aziende autorizzate all’esercizio delle operazioni portuali ai sensi della l. 84/1994 è stato generalmente indicato come ‘personale interno al porto’, per differenziarlo da quello come ad esempio gli autotrasportatori o i marittimi, (denominato ‘personale esterno al porto’) che pur partecipando al ciclo lavorativo non afferiscono alle sopra indicate aziende.

L’analisi dei casi avvenuti mostra un insieme costituito da 58 infortuni (27 mortali e 31 gravi), collegati a lavori svolti in ambito portuale, che nonostante sia numericamente esiguo consente comunque di trarre informazioni specifiche sul fenomeno infortunistico con conseguenze gravi.

L’anzianità lavorativa nella mansione mostra che l’esperienza tra gli infortunati supera i tre anni nel 67,2% dei casi rispetto al 58,4% registrato per il totale degli infortuni presenti in banca dati e si evidenzia anche il dato relativo alla sola prima settimana con il 5,2% dei casi rispetto al 3,7% del totale degli eventi.

I termini di tipologia contrattuale emerge che oltre i 3/4 degli infortunati sono caratterizzati da un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, rispetto al 54,8% registrato per la totalità dei casi; per quanto riguarda altre tipologie contrattuali emergono i rapporti di lavoro non tipici con circa il 7%.

Fonte: INAIL

inail

INAIL – GUIDA – VERIFICA ATTREZZATURE, MACCHINE E IMPIANTI

INAIL

Guida ai servizi di verifica di attrezzature, macchine e impianti di più ampia pratica e interesse

La Guida è stata realizzata allo scopo di orientare l’utenza all’accesso rapido delle informazioni più richieste nel tempo in materia di verifica su attrezzature, macchine e impianti.

Tali attività, che il legislatore ha attribuito all’Inail in via esclusiva e non, sono finalizzate all’accertamento del loro esercizio in sicurezza sia nei luoghi di vita che di lavoro. La pubblicazione non esaurisce il novero delle attività di verifica che l’Istituto è chiamato a prestare, ma contempla solo quelle di più ampia pratica e interesse per la platea dei fruitori. Per questo, sono stati selezionati alcuni ambiti di verifica e, per ciascuna, redatte specifiche schede di sintesi per illustrare le modalità di richiesta e l’iter procedurale di attivazione.

Fonte: INAIL