GSE

GSE – Rapporto – Teleriscaldamento e Teleraffrescamento

GSE

RAPPORTO

TELERISCALDAMENTO E TELERAFFRESCAMENTO IN ITALIA

Online la prima edizione del rapporto “Teleriscaldamento e teleraffrescamento in Italia” nel quale il GSE fa il punto sulle caratteristiche e sulla diffusione dei sistemi di teleriscaldamento (TLR) e teleraffrescamento in esercizio sul territorio nazionale a fine 2017, con approfondimenti dedicati sia alle peculiarità delle diverse tipologie di reti e di impianti sia alle volumetrie servite.

I sistemi TLR in esercizio in Italia sono circa 300, diffusi in 240 territori comunali (soprattutto nelle regioni settentrionali del Paese) per un’estensione complessiva delle reti di 4.600 km e oltre 9 GW di potenza installata. Considerando il solo settore residenziale, il TLR soddisfa oggi circa il 2% della domanda complessiva di prodotti energetici per riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria del Paese.

La maggior parte degli impianti a servizio delle reti (84% della potenza) è alimentata da fonti fossili, il restante 16% da rinnovabili (biomassa, geotermia, ecc.) e rifiuti; l’incidenza degli impianti alimentati da rinnovabili diminuisce man mano che cresce la taglia degli impianti. Nel 2017 l’energia complessivamente immessa nelle reti è stata pari a circa 11,3 TWh termici (circa 970 ktep), di cui il 64% prodotta da gas naturale, il 25% da fonti rinnovabili, il restante 11% dalle altre fonti fossili.

Le reti di teleriscaldamento sono oggi ancora largamente prevalenti; negli anni si è tuttavia diffusa anche la presenza di reti di teleraffrescamento, sempre associate a quelle di teleriscaldamento.

Il 73% dei sistemi di teleriscaldamento e il 69% dei sistemi di teleraffrescamento in esercizio in Italia sono efficienti secondo la definizione della Direttiva 2012/27/CE.

Il documento è disponibile nella sezione Statistiche del sito istituzionale GSE.

 

Fonte: GSE

 

logoaeegsi

ARERA – Delibera 18.6.2019, 248/2019/R/tlr – Accoglimento istanze

Delibera 18 giugno 2019, 248/2019/R/tlr

Accoglimento di istanze di esclusione dalla regolazione delle reti di teleriscaldamento e teleraffrescamento, presentate ai sensi della Deliberazione dell’Autorità  574/2018/R/TLR

Il presente provvedimento accoglie le istanze di esclusione dalla regolazione presentate dalle società Bio-energie-gen-schlinig Sc, comune di Rodengo, consorzio centrale dei f.lli Gruber, Damiani holz & ko. S.p.a., Egea produzioni e teleriscaldamento S.r.l., Enel Green Power S.p.a., Ener-team S.r.l., EUM cooperativa, Fernheizwerk leierhof S.n.c. di Faller Klaus & co., Hera S.p.a., Linea Green S.p.a., Schluderns-glurns energie Genossenschaft SC, SEP società energetica Piossasco S.p.a., Serio energia S.r.l., Sonnenheimhof, Sulzenbach otto & co S.n.c., Teleriscaldamento Rainer Prato Drava S.r.l., Telfholz S.r.l. ai sensi della deliberazione 574/2018/R/tlr.

Testo

Allegato

Fonte: ARERA

AEEGSI

AEEGSI – Costi di riferimento per teleriscaldamento e raffrescamento nei condomini

Delibera 20 aprile 2017 282/2017/R/tlr – Definizione dei costi di riferimento indicativi per il servizio di suddivisione delle spese per riscaldamento, raffrescamento e acqua igienico sanitaria tra le unità immobiliari nei condomini e negli edifici polifunzionali.

  • Il provvedimento definisce i costi di riferimento indicativi del servizio di suddivisione delle spese di climatizzazione e acqua igienico sanitaria negli edifici. I costi sono definiti con riferimento a due servizi-tipo (servizio lettura e servizio ripartizione delle spese) delineati sulla base degli elementi emersi dalla ricognizione effettuata dall’Autorità sul servizio di sub-fatturazione offerto nel mercato nazionale e dalla successiva consultazione.