ISPRA – Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici

ISPRA

Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici

ISPRA ha presentato il 22 luglio i nuovi dati sul consumo di suolo in Italia e l’edizione 2020 del Rapporto del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente.

L’aumento del consumo di suolo non va di pari passo con la crescita demografica e in Italia cresce più il cemento che la popolazione: nel 2019 nascono 420 mila bambini e il suolo ormai sigillato avanza di altri 57 km2 (57 milioni di metri quadrati) al ritmo, confermato, di 2 metri quadrati al secondo. È come se ogni nuovo nato italiano portasse nella culla ben 135 mq di cemento.
Lo spreco di suolo continua ad avanzare nelle aree a rischio idrogeologico e sismico e tra, le città italiane, la Sicilia è la regione con la crescita percentuale più alta nelle aree a pericolosità idraulica media. Non mancano segnali positivi: la Valle d’Aosta, con solo 3 ettari di territorio impermeabilizzato nell’ultimo anno, è la prima regione italiana vicina all’obiettivo “Consumo di suolo 0” e si dimezza la quantità di suolo perso in un anno all’interno delle aree protette.

Video del convegno

Programma

Comunicato stampa

Rapporto SNPA “Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici – Edizione 2020”

Sintesi del rapporto

Schede regionali

Tabella con i dati principali per Regioni, Province e Comuni

Presentazione Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici
(Michele Munafò – ISPRA)

Video

Galleria fotografica

 

Fonte: ISPRA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*