Agenzia delle Dogane – Accisa – esclusione – realizzazione prodotti

Circolare n. 22/D del 15 novembre 2016 – Applicazione dell’articolo 52, comma 2, lettera g) del decreto legislativo 26 ottobre 1995, n.504 (TUA).

A. Direttive procedurali
Il riconoscimento del diritto all’esclusione dall’accisa dell’elettricità impiegata per la realizzazione di prodotti sul cui costo finale, calcolato in media per unità, incida per oltre il 50%, di cui all’articolo 52, comma 2, lettera g) del TUA, avviene, per ciascun anno, ricorrendone i presupposti, a consuntivo.
Fermo restando il termine di decadenza di cui all’art.14, comma 2, del TUA (richiamato nell’art. 56, comma 6), la richiesta di applicazione della disposizione qui in trattazione è presentata, dal soggetto interessato, entro l’anno successivo all’annualità oggetto della richiesta, presso l’Ufficio delle dogane competente in relazione all’ubicazione dello stabilimento di produzione.

B. Linee guida per l’esame del bilancio di esercizio e della documentazione allegata alla richiesta.
Per quanto riguarda l’oggetto della norma in argomento, assume importanza cruciale la definizione di “prodotto”.
In merito, né la direttiva 2003/96/CE, né il TUA modificato con decreto legislativo 26/2007 di recepimento, forniscono elementi espliciti. Tuttavia, tenuto conto che l’esclusione dal campo di applicazione della direttiva 2003/96/CE, disciplinata all’articolo 2, comma 4, lettera b) opera principalmente per fattispecie di usi legati a produzioni, come la riduzione chimica e i processi elettrolitici, metallurgici e mineralogici che, per caratteristiche intrinseche, sono tipicamente manifatturiere, sembra potersi comunque escludere dalla definizione di “prodotto”, ai fini dell’applicazione della disposizione qui in trattazione, la produzione di beni e di servizi immateriali. Si ritiene, quindi, che la disposizione de quo possa trovare applicazione con riferimento alle attività di cui alle sezioni da A ad F, ed in particolare alla sezione C, della classificazione ATECO 2007 delle attività economiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*