ISTAT – INDICI COSTI RESIDENZIALE E INFRASTRUTTURE AUTOSTRADALI

Aggiornamento a febbraio 2016

L’indice del costo di costruzione di un tronco stradale con tratto di strada in galleria (base 2010=100) è risultato pari a 102,3 a gennaio 2016 1 e a 102,0 nel mese di febbraio. segnando una flessione tendenziale dell’1,4% in ciascuno dei mesi considerati.

A partire da aprile 2016, con la diffusione dei dati riferiti a gennaio e febbraio 2016, gli indici dei costi di costruzione del fabbricato residenziale e dei tronchi stradali sono calcolati nella nuova base di calcolo Dicembre 2015. La base di riferimento, alla stregua degli altri indicatori congiunturali, resta l’anno 2010.

La struttura ponderale degli indici del fabbricato residenziale si mantiene in linea con quella della precedente base di calcolo Dicembre 2014. In particolare, la flessione del peso dei Materiali è compensata da un aumento di quello della Manodopera.

Analogamente, per gli indici dei tronchi stradali, sia per il tratto con galleria e sia per quello senza, alla diminuzione del peso dei Materiali si contrappone l’aumento del peso della Manodopera. Una tendenza simile si riscontra anche nei sistemi ponderali delle tipologie di opera.

Con riguardo alle unità campionarie, la nuova base di calcolo Dicembre 2015 si conferma in linea con quella precedente. Le serie elementari dei costi per il fabbricato residenziale passano da 446 a 433 per effetto della definizione del nuovo paniere delle varietà dei prodotti edili; per i tronchi stradali, rispettivamente per i tracciati con e senza galleria invece la numerosità aumenta da 94 a 104 e da 155 a 156 serie.

CECE – Relazione economica annuale

CECE pubblica la sua relazione economica annuale, fornendo un sguardo approfondito sullo stato del settore europeo macchine movimento terra.

L’industria europea macchine per le costruzioni è un asset fondamentale nella costruzione della economia sostenibile e competitiva di cui l’Europa ha bisogno per il futuro.

I circa 1200 produttori organizzati in CECE occupano circa 130.000 persone.

L’industria ha un fatturato di circa 26 miliardi di euro, e rappresenta circa il 5% della produzione totale dell’UE di ingegneria ed è pari a circa il 20% della produzione mondiale di macchine per le costruzioni.

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 1° TRIMESTRE 2016

MERCATO ITALIANO DELLE MACCHINE MOVIMENTO TERRA E LAVORI STRADALI: NEL 1° TRIMESTRE 2016 +24,1% DI MACCHINE VENDUTE O NOLEGGIATE RISPETTO AL 1° TRIMESTRE 2015 PROSEGUE LA CRESCITA DI UN MERCATO IN FORTE ESPANSIONE DAL 1° TRIMESTRE 2014

Un nuovo forte segnale di inversione del ciclo delle costruzioni arriva dall’ Osservatorio vendite macchine e impianti per le costruzioni del CRESME, promosso da Cantiermacchine-Ascomac. Prosegue, infatti, nel 1° trimestre 2016 la crescita del mercato interno delle macchine movimento terra: nei primi tre mesi dell’anno sono state vendute o noleggiate 1.990 macchine pari al +24,1% rispetto al 1° trimestre 2015 e al +43,2% rispetto al 1° trimestre 2014.

La dinamica di crescita del mercato italiano dell’intero comparto, iniziata nel 1° trimestre 2014, è proseguita in crescendo per tutto il 2015 tanto che, totalizzando i dati, con il 2015 si arriva a 9.128 macchine vendute o noleggiate, che si traduce in un +34,7% rispetto al 2014 e in un +49,9% rispetto al 2013. I dati del primo trimestre del 2016 testimoniano che la dinamica resta espansiva.

E la conferma del segnale che viene dalle macchine movimento terra è importante; il mercato delle macchine per movimento terra e lavori stradali è un indicatore, anticipatore delle tendenze del mercato delle costruzioni.

Infatti, secondo il CRESME, con il 2015 il settore delle costruzioni è uscito dalla fase recessiva e si sta avviando, pur prudentemente, una nuova fase: è l’inizio del settimo ciclo edilizio, più volte sostenuto nei precedenti rapporti, e che sembra sempre più confermato. Anche se qualche segnale di prudenza è ancora d’obbligo.

MINAMBIENTE – TERRE E ROCCE DA SCAVO

Bozza di Decreto aprile 2016

iter parlamentare

Avviata la consultazione pubblica sulla proposta di regolamento recante la “Disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo” ai sensi dell’articolo 8 del decreto-legge 12 settembre 2014, n 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164. Per consultare la proposta di regolamento e le modalità di invio delle osservazioni vai al Portale delle Valutazioni Ambientali del Ministero dell’Ambiente.

 

Rapporti – Ricerca Ance su L’Industria delle costruzioni: struttura, interdipendenze settoriali e crescita economica

Informazioni sulla struttura del settore e sugli effetti moltiplicativi sull?economia


Lo studio, che aggiorna il precedente lavoro dell’Ance svolto nel 2010, si basa su specifiche elaborazioni della più recente tavola intersettoriale pubblicata dall’Istat e consente di trarre alcune significative informazioni sulla struttura del settore e sugli effetti moltiplicativi sull’economia derivanti da una domanda aggiuntiva di spesa in costruzioni (effetti diretti, indiretti e indotti).

Riguardo agli aspetti strutturali la ricerca, ad esempio, mette in evidenza la lunga e complessa filiera delle costruzioni e la bassa incidenza di importazioni nel processo produttivo.
Il settore delle costruzioni acquista, infatti, beni e servizi dall’88% dei settori economici (31 settori economici su 36 sono fornitori delle costruzioni) e solo il 4,2% degli acquisti è importato mentre il 95,8% è di produzione interna.

In merito agli effetti moltiplicativi, dallo studio emerge che una spesa aggiuntiva di un miliardo di euro in costruzioni genera sul sistema economico una ricaduta complessiva di 3.513 milioni come effetti diretti, indiretti e indotti e produce un incremento di 15.555 unità di lavoro di cui 9.942 nel settore delle costruzioni e 5.613 nei settori collegati.
In questa edizione dello studio alcuni risultati sono inoltre, per la prima volta, presentati separatamente per le attività di “costruzione di edifici e altri lavori di costruzione specializzati” e di “lavori di ingegneria civile”.

Gli schemi intersettoriali costituiscono un prezioso strumento per l’analisi della struttura di un sistema economico ed offrono la possibilità di mettere in luce le relazioni di interdipendenza esistenti tra i vari settori produttivi e finali del sistema e tra questi ed il resto del mondo (importazioni/esportazioni).

Nell’attuale quadro macroeconomico, e nella definizione di politiche rivolte a rilanciare la crescita economica, lo studio costituisce uno strumento utile per ribadire l’importante contributo che l’industria delle costruzioni può offrire allo sviluppo del paese in termini sia di investimenti che di occupazione unitamente alla contestuale crescita degli altri comparti economici.

CANTIERMACCHINE – OSSERVATORIO CRESME – IV TRIMESTRE 2015

VENDITE MACCHINE MOVIMENTO TERRA IV TRIMESTRE 2015

2015: ANNO RECORD PER IL MERCATO ITALIANO DELLE MACCHINE MOVIMENTO TERRA E LAVORI STRADALI

NEL 4° TRIMESTRE 2015 +37,5% DI MACCHINE VENDUTE O NOLEGGIATE RISPETTO AL 4° TRIMESTRE 2014 E IL 2015 SI CHIUDE CON IL +34,7% RISPETTO AL 2014

Il 4° trimestre 2015, per il mercato italiano delle macchine movimento terra, si contraddistingue per il record di macchine vendute o noleggiate: le 3.191 macchine rilevate sono il dato più alto degli ultimi 4 anni, occorre infatti tornare ai dati del 2011 per avere un valore simile. Rispetto allo stesso periodo del 2014 le vendite registrano una variazione percentuale pari al +37,5%.

L’incremento delle vendite, iniziato già nel 1° trimestre 2014, è proseguito in modo esponenziale per tutto il 2015 tanto che il 37,5% registrato in quest’ultimo trimestre segue il +42,8% del 3° trimestre, il +40,2% registrato nel 2° trimestre e il +15,3% del 1° trimestre su base annua. Totalizzando i dati, il 2015 raggiunge il primato del numero di vendite/noleggi; le 9.128 macchine vendute o noleggiate sono pari al +34,7% del 2014 e pari al +49,9% rispetto a quelle del 2013.

I dati della rilevazione ISTAT sul commercio estero, del periodo gennaio-settembre 2015, non fanno che rafforzare questo primato: sia le importazioni che le esportazioni di macchine per le costruzioni crescono su base annua e rispettivamente del +13,3% e del +7,5%, tanto che anche la bilancia commerciale, in attivo di circa 1.564 milioni di euro, supera il dato dei primi nove mesi del 2014 del +5,7%.

CANTIERMACCHINE – OSSERVATORIO CRESME – III TRIMESTRE 2015

 

logo_cantiermacchine

I PRIMI 9 MESI DELL’ANNO SI CHIUDONO CON IL +33,2% SU BASE ANNUA

Ennesimo boom di vendite, sul mercato italiano di macchine movimento terra, si registra nel 3° trimestre 2015; le 1.906 macchine vendute o noleggiate superano le vendite effettuate nel 3° trimestre del 2014 del +42,8%.

 

L’incremento delle vendite, registrato già nel 2014, in questi primi nove mesi del 2015 prosegue in maniera esponenziale; infatti il +42,8% su base annua di quest’ultimo trimestre d’analisi, segue il +40,2% registrato nel 2° trimestre e il +15,3% del 1° trimestre. Totalizzando i dati di questi primi nove mesi dell’anno in corso, le 5.937 macchine vendute o noleggiate sono pari al +33,2% del corrispondente periodo del 2014 e pari al +48,6% rispetto ai primi nove mesi del 2013.

E anche dai dati sul commercio estero della rilevazione ISTAT arrivano segnali che compravano il momento positivo che sta attraversando il mercato delle macchine per le costruzioni: la bilancia commerciale del settore cresce nel 1° semestre del +5,0% su base annua, con le importazioni che crescono del + 24,1% rispetto al 1°semestre 2014 e le esportazioni del +9,0% sempre rispetto al corrispondente periodo del 2014.

 

CANTIERMACCHINE – RAPPORTI 2013 – 2012

CANTIERMACCHINE – SEMINARI E CONVEGNI FIERISTICI

 

anni 2011 – 2010


 

2011

La sicurezza delle macchine in edilizia, Bologna – 6 Ottobre 2011

Saggio di Paolo Pascucci “La nuova disciplina della sicurezza sul lavoro del 2008/2009: una rapsodia su novità e conferme

MADEXPO – Venerdì 7 ottobre 2011 – Primo rapporto sullo stato dell’Innovazione nel settore delle costruzioni

ANCE – Il settore delle costruzioni promotore di sviluppo nell`Economia Italiana – Ricerca Ance sul ruolo delle costruzioni nello sviluppo dell`economia e dell`occupazione, agosto 2011

Unioncamere  –   Rapporto sullo stato delle infrastrutture in Italia, 2011

CESEMacchine agricole e attrezzature per la costruzione e la movimentazione: qual è il modo migliore per uscire dalla crisi?

Regione Lombardia

Indirizzi per l’uso e la manomissione del sottosuolo” per la sicurezza sul lavoro di cittadini e lavoratori negli interventi.

Vademecum per il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori nelle opere di asfaltatura


 

EARTH MOVING DAY – 3 marzo 2011 – Tavola rotonda “Macchine Ambiente Mercato – Impatto ambientale: evoluzione normativa e sviluppo delle macchine

Uno dei principali driver dell’innovazione di prodotto nelle macchine movimento terra è costituito dall’attività di normazione europea. Ogni modifica delle regole di produzione produce sull’intera struttura della macchina un processo di riassestamento e riprogettazione. Ciò vale in particolare per i motori e le emissioni. Il focus analizzerà tale dinamica grazie al contributo di chi segue in prima fila l’attività normativa europea e di chi innova ciclicamente il prodotto rendendolo sempre più compatibile ambientalmente, ergonomico e sicuro.

Moderato da: Franco Tanel, Sole 24 ore Edilizia e Territorio

Introduce: Roberto Paoluzzi (Direttore CNR Consiglio Nazionale per le Ricerche – Imamoter, Istituto per Macchine Agricole e Movimento Terra), produttori di macchine movimento terra ed enti pubblici

Matthias Krausse CATERPILLAR Territory Manager – Industrial Engines
– Mr. Arvid Rinaldo Emissions Strategy Manager VOLVO CE


2010

Il D. Lgs. n. 81/2008: due anni dopo – I“sistemi” del diritto della sicurezza sul lavoro, Urbino, 14 e 15 maggio 2010

Primo rapporto su “il sistema italiano delle costruzioni“, 21 ottobre 2010

Rapporto Mondiale delle Costruzioni 2009/2010

Forum AMBIENTE&SICUREZZA, Sole 24Ore, Roma 5 marzo 2010 – atti dell’evento (108 mb)

Il d. lgs. n. 81/2008: due anni dopo – I “sistemi” del diritto della sicurezza sul lavoro – Atti dell’incontro di studio di Urbino del 14 e 15 maggio 2010 a cura di Paolo Pascucci

Convegno su ” Nuova Direttiva Macchine “, Napoli 9 Aprile 2010

C.P.T. Torino – Manuale La valutazione dei rischi nelle costruzioni edili, 2009

La sicurezza nelle macchine tra nuova Direttiva Macchine e Testo Unico, Bari, 23 ottobre 2009

Libro Bianco sugli effetti della crisi dell’edilizia e dei settori collegati (Aprile 1994).