Parlamento – teleriscaldamento e teleraffrescamento – documento finale della Camera

Strategia dell’Unione europea in materia di riscaldamento e raffreddamento. COM(2016) 51 finale.

La Camera dei Deputati nella seduta del 19 luglio ha approvato il documento relativo alla strategia in oggetto.

In particolare le Commissioni ritengono che:

a) occorre dare seguito sul piano concreto alle intenzioni manifestate dalla Commissione europea di favorire la ristrutturazione degli edifici esistenti, puntando, piuttosto che su interventi relativi a singole unità abitative, ad interventi che interessino interi edifici, sia pubblici che privati, che potrebbero assicurare risultati assai più consistenti per le economie di scala. In particolare, appare necessario prevedere misure specifiche volte a facilitare l’adeguamento degli impianti dei condomini, considerato che il 41 per cento della popolazione UE vive in appartamenti e che in Italia la metà delle abitazioni residenziali sono in condominio;

g) appare opportuno migliorare l’affidabilità e soprattutto l’utilità concreta delle certificazioni energetiche degli edifici, che possono tra l’altro diventare un’importante fonte di dati sullo stato del patrimonio edilizio nazionale;

h) occorre sostenere l’autoproduzione e lo stoccaggio di energia da fonte rinnovabile, anche con le opportune misure per favorire lo scambio sul posto pur nel rispetto della giusta condivisione degli oneri di sistema, così da ridurre i costi del sistema dell’energia e contribuire a sostenere ad esempio la domanda di energia per raffrescamento oltre a ridurre le perdite del sistema e rafforzarne la resilienza;

i) al fine di perseguire gli obiettivi di efficienza energetica, di contribuire al miglioramento ambientale e della qualità dell’aria e di contribuire alla riduzione delle emissioni di CO2 nei grandi centri urbani attraverso la riduzione del numero di centrali termiche individuali e condominiali, …

j) occorre promuovere gli interventi di efficientamento e di risparmio energetico nel sistema delle imprese e in particolare delle piccole e medie imprese, … .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*