DECRETO-LEGGE 16 luglio 2020, n. 76  Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale

DECRETO-LEGGE 16 luglio 2020, n. 76

 Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale

Procedure più veloci per banda ultralarga, digitalizzazione PA, green economy e reti energetiche

Pubblicato in Gazzetta ufficiale il Decreto Semplificazioni, approvato dal Consiglio dei Ministri, che introduce un quadro di misure organiche volte a facilitare la ripresa economia del Paese dopo l’emergenza Covid.

Questo provvedimento, che segue i decreti Cura Italia, Liquidità e Rilancio, interviene sulle semplificazioni in materia di contratti pubblici ed edilizia, sulla velocizzazione dei procedimenti amministrativi e l’eliminazione di adempimenti burocratici, nonché sulla ridefinizione delle responsabilità relative all’abuso di ufficio e al danno erariale, che rallenta molte procedure pubbliche. Introdotte anche semplificazioni per favorire la digitalizzazione della pubblica amministrazione.

Per le attività di impresa, la green economy, la tutela ambientale, la banda ultralarga e lo sviluppo delle tecnologie emergenti, il Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli ha previsto nel Decreto Semplificazioni un pacchetto di misure che mirano ad avviare un importante processo di sburocratizzazione del Paese, in modo da poter sostenere il sistema produttivo in questa fase di ripartenza dell’economia attraverso procedure più snelle e veloci.

Nuova Sabatini, Banda ultralarga, Digitalizzazione PA

  • Previsto l’aumento dell’importo erogato in un’unica soluzione, anziché nelle sei precedentemente previste, della “Nuova Sabatini” (contributi alle imprese per il rimborso di prestiti destinati a investimenti in beni strumentali) e la semplificazione dell’incentivo per le imprese del Mezzogiorno, con la possibilità di utilizzo dei fondi europei;
  • Introdotte misure per la velocizzazione dei lavori sulle infrastrutture di rete per le comunicazioni elettroniche e la banda ultralarga, prevedendo procedure autorizzative semplificate per gli interventi di scavo, installazione e manutenzione di reti in fibra e degli impianti radioelettrici di comunicazione;
  • Misure per l’innovazione, volte a semplificare e favorire le iniziative che riguardano le sperimentazioni mediante l’impiego delle tecnologie emergenti;
  • Disposizioni per favorire l’utilizzo della posta elettronica certificata nei rapporti tra Amministrazione, imprese e professionisti, con l’obiettivo di agevolarne l’operatività;
  • Semplificazione del sistema di monitoraggio degli investimenti pubblici e riduzione degli oneri informativi a carico delle amministrazioni pubbliche, al fine di superare l’attuale segmentazione delle banche dati;
  • Procedure semplificate anche per la cancellazione dal registro delle imprese e per lo scioglimento degli enti cooperativi, al fine di assicurare che il registro stesso rappresenti fedelmente la realtà imprenditoriale operante sul territori.

Aumenti di capitale delle società quotate

  • È data la possibilità, fino al 31 aprile 2021, per le società per azioni quotate di prevedere aumenti di capitale in deroga rispetto alla disciplina del codice civile. In questi casi non si applica la cosiddetta maggioranza rafforzata del voto e la deliberazione è validamente assunta con il voto favorevole della maggioranza del capitale rappresentato in assemblea.

Green economy, tutela ambientale, reti energetiche

  • Per sostenere la green economy e la tutela dell’ambiente, il decreto introduce la razionalizzazione delle procedure di valutazione d’impatto ambientale (VIA) associate alle opere pubbliche e la razionalizzazione degli interventi nelle Zone Economiche Ambientali;
  • Previste semplificazioni in materia di interventi su progetti o impianti esistenti alimentati da fonti di energia rinnovabile, anche quelli in corso di incentivazione;
  • Semplificazioni delle norme per la realizzazione di punti e stazioni di ricarica per veicoli elettrici, al fine al fine di favorirne la diffusione nel territorio nazionale;
  • Introdotta una nuova disciplina sui trasferimenti di energia rinnovabili dall’Italia agli altri Paesi europei, con benefici per le casse dello Stato;
  • Semplificazioni anche per il rilascio delle garanzie pubbliche da parte di SACE a favore di progetti del green new deal;
  • Semplificazione dei procedimenti autorizzativi delle infrastrutture della rete di distribuzione elettrica a livello nazionale e locale, nonché delle reti energetiche nazionali che riguardano nello specifico sia gli interventi sulla RTN (Rete Trasmissione Nazionale) che la rete gas già individuati nel PNIEC (in particolare il “Tyrrenium”, il collegamento elettrico tra Campania, Sicilia e Sardegna).

Fonte: MiSE

DIRETTIVA (UE) 2018/844 – Prestazione energetica degli edifici

Direttiva (UE) 2018/844 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, che modifica la direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia e la direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica

Con grande piacere evidenziamo che intuizioni e proposte, formulate da Ascomac Cogena al Governo e al Parlamento Nazionale e alla UE, dal 2011 ad oggi, in materia di riqualificazione urbana e territoriale, a partire dagli edifici, hanno trovato ancora una volta piena e concreta attuazione, nella Direttiva (UE) 2018-844:

  • veri e propri HUB statici-antisismici-idrici-energetici-digitali, a ridotte emissioni inquinanti e produzioni di rifiuti, Modelli di produzione-Consumo-Utilizzo responsabili e sostenibili

attraverso

  • generazione, consumo, e utilizzo di risorse ad alta efficienza
  • energia autoprodotta anche a fini di mobilità sostenibile
  • infrastrutture/reti energetiche e intelligenti (banda ultralarga) private
  • certificazione dei risultati da parte di Organismi di parte terza accreditati.

 Intuizioni e Proposte che avrebbero consentito al nostro Paese, se applicate da subito, di promuovere, sviluppare e realizzare Modelli di produzione, consumo e utilizzo per la Città/Territorio Equo, Responsabile, Sostenibile.

Di seguito una sintesi dei punti rilevanti.

LA NUOVA DIRETTIVA

 OBIETTIVI

  • rendere più efficaci le strategie di ristrutturazione degli immobili a lungo termine con obiettivi chiari e misurabili per un settore edile idealmente decarbonizzato e un parco di edifici NZEB al 2050
  • consolidare la componente finanziaria e promuovere investimenti privati per il recupero del patrimonio edilizio esistente
  • sostenere lo sviluppo delle infrastrutture per l’elettromobilità
  • elevare le soglie per l’obbligo delle ispezioni degli impianti di riscaldamento e di condizionamento dell’aria, confidando nell’apporto dei sistemi automatici di monitoraggio e controllo
  • promuovere e attuare l’uso delle tecnologie informatiche per edifici efficienti
  • migliorare la trasparenza delle metodologie di calcolo della prestazione energetica definite dagli stati membri
  • accrescere il ruolo dei consumatori, informandoli e proteggendoli dalla povertà energetica.

NOVITÀ

  • sviluppare e migliorare l’efficienza energetica degli edifici
  • incentivare la ristrutturazione degli immobili finalizzata alla decarbonizzazione
  • promuovere ristrutturazioni economicamente efficienti
  • introdurre un indicatore d’intelligenza per gli edifici
  • semplificare le ispezioni degli impianti di riscaldamento e di condizionamento dell’aria
  • promuovere e realizzare l’elettromobilità – posti auto destinati ai veicoli elettrici.

RISTRUTTURAZIONE EFFICIENTE DI EDIFICI PUBBLICI E PRIVATI

  • gli Stati membri devono elaborare strategie nazionali a lungo termine, finalizzate a realizzare la ristrutturazione efficiente di edifici pubblici e privati per ridurre le emissioni nell’UE dell’80-85% rispetto ai livelli del 1990, con obiettivi intermedi per il 2030 e il 2040

MOBILITÀ SOSTENIBILE

  • Obbligo di installazione di punti di ricarica
  • negli edifici residenziali di nuova costruzione e gli edifici residenziali sottoposti a ristrutturazioni importanti con più di dieci posti auto, l’installazione, in ogni posto auto, di infrastrutture di canalizzazione, segnatamente condotti per cavi elettrici, per consentire l’installazione in una fase successiva di punti di ricarica per i veicoli elettrici quando:
    • il parcheggio è situato all’interno dell’edificioe, nel caso di ristrutturazioni importanti, le misure di ristrutturazione comprendono il parcheggio o le infrastrutture elettriche dell’edificio; o
    • il parcheggio è adiacente all’edificioe, nel caso di ristrutturazioni importanti, le misure di ristrutturazione comprendono il parcheggio o le infrastrutture elettriche del parcheggio
  • negli edifici non residenziali di nuova costruzione e gli edifici non residenziali sottoposti a ristrutturazioni importanti, con più di dieci posti auto, installazione di almeno un punto di ricarica ai sensi della Direttiva 2014/94/UEdel Parlamento europeo e del Consiglio e di infrastrutture di canalizzazione – condotti per cavi elettrici – per almeno un posto auto su cinque, per consentire in una fase successiva di installare punti di ricarica per veicoli elettrici, qualora:
    • il parcheggio sia situato all’interno dell’edificioe, nel caso di ristrutturazioni importanti, le misure di ristrutturazione riguardino il parcheggio o le infrastrutture elettriche dell’edificio;
    • il parcheggio sia adiacente all’edificio e, nel caso di ristrutturazioni importanti, le misure di ristrutturazione riguardino il parcheggio o le infrastrutture elettriche del parcheggio

PREDISPOSIZIONE DEGLI EDIFICI ALL’INTELLIGENZA E NUOVE INDICAZIONI PER GLI IMPIANTI TECNICI PER L’EDILIZIA

  • nuovo indicatore di predisposizione degli edifici all’intelligenza (facoltativo per gli Stati membri) e la definizione di una strategia e di una tabella di marcia per la ristrutturazione a lungo termine

RECEPIMENTO ENTRO IL 10 MARZO 2020

  • la nuova Direttiva entrerà in vigore il 9 luglio prossimo e deve essere recepita entro il 10 marzo 2020.

MISE – PIANO BANDA ULTRALARGA

E’ online da oggi il Piano degli investimenti per la banda ultralarga nelle aree bianche (a fallimento di mercato), dove lo Stato e le Regioni investiranno circa 3 miliardi per garantire a tutti una connessione a 30 mbps e l’85 per cento di copertura oltre i 100 mbps. Il documento, che rimarrà in consultazione sul sito di Infratel Italia spa per 30 giorni, descrive caratteristiche e modalità operative dell’intervento diretto, già illustrate nel piano Strategia italiana per la banda ultralarga approvato dal Consiglio dei ministri il 3 marzo 2015, e confermato dalla seduta del CIPE del 1 maggio scorso.

Lo schema del bando di gara per gli investimenti a intervento diretto nelle aree bianche (cluster C e D) è all’attenzione di Anac, Agcm, Agcom e Autorità per l’energia: ricevuti i rispettivi pareri il bando sarà pubblicato.

Piano degli investimenti