Bankitalia – Innovazioni basate sui brevetti ambientali

I progressi tecnologici possono contribuire alla sostenibilità ambientale attraverso diversi canali: un più efficiente uso delle risorse naturali, una più bassa intensità di emissioni, l’invenzione di nuovi prodotti più sostenibili di quelli precedentemente esistenti.

Le imprese hanno evidentemente un ruolo chiave nella creazione, adozione e diffusione di innovazioni ambientali.

In quest’ottica, il lavoro mira a stimare il legame tra attività di ricerca e sviluppo (R&S), (eco)innovazioni ambientali e produttività a livello di impresa, valutando in particolare l’effetto delle eco-innovazioni sulla produttività di impresa. Lo schema di riferimento è dato dal modello di Crepon e al., (1998), modificato per tener conto degli effetti differenziali delle eco-innovazioni rispetto alle innovazioni tradizionali. L’ipotesi alla base del lavoro è che mentre i benefici sociali delle eco-innovazioni sono chiaramente positivi, le ricadute sull’impresa possono essere anche negative, poiché le eco-innovazioni possono danneggiarne la produttività, almeno nel breve periodo.

SEATEC 2016 – Efficienza energetica. Parla UNIMOT

Efficienza energetica. Parla UNIMOT

Combustibili alternativi, ibridi, recupero dei gas di scarico. C’è questo e altro nella ricetta emersa al Seatec, con un occhio di riguardo al ciclo vita nella cantieristica. Una platea autorevole di ingegneri e studiosi si è espressa nel merito dell’efficienza.

Leggi tutto

EUROSTAT – EMISSIONI CO2 NEL 2015

Nel 2015, le emissioni di CO2 stimate nell’area UE sono leggermente aumentate rispetto al 2014
Eurostat stima che nel 2015 l’anidride carbonica (CO2), derivanti dalla combustione di combustibili fossili, sono aumentate del 0,7% in l’Unione Europea (UE), rispetto all’anno precedente.

Le emissioni di CO2 sono una delle principali cause globale riscaldamento e rappresentano circa l’80% di tutte le emissioni di gas serra dell’UE. Essi sono influenzate da fattori quali le condizioni climatiche, la crescita economica, le dimensioni della popolazione, trasporti e attività industriali. Varie iniziative dell’UE sull’efficienza energetica mirano a ridurre le emissioni di CO2 e di altri gas ad effetto serra.

change co2

RAPPORTI – ISPRA – LINEEE GUIDA EMAS – ECOLABEL

ISPRA

L’obiettivo della presente Linea Guida si pone in linea con le indicazioni dell’U.E. focalizzando l’attenzione sul turismo, uno dei settori strategici del nostro Paese, da valorizzare in un’ottica di sostenibilità.

Tra gli strumenti applicabili più validi e credibili, rivestono un ruolo importante i Regolamenti Comunitari EMAS ed Ecolabel UE che di fatto rappresentano le certificazioni più idonee al fine di perseguire, nel medio/lungo periodo, l’obiettivo della valorizzazione dei territori a vocazione turistica nel rispetto dell’ambiente.


Il documento effettua una rassegna di iniziative, condotte a livello comunitario e nazionale, sia dall’ISPRA che dalle ARPA/APPA, ed evidenzia le criticità emerse nelle strategie fino ad oggi attuate per la promozione di Ecolabel UE.

Inoltre, il documento contiene proposte per attuare ulteriori azioni mirate che tengano conto delle specificità dei mercati a livello locale per incrementare la conoscenza del marchio Ecolabel UE (ad es. azioni di promozione e diffusione presso soggetti pubblici e privati a livello regionale, informazione nelle scuole o in occasione di eventi, di concerto con le aziende produttrici), per integrare le strategie di promozione dell’Ecolabel ai prodotti e per condurre dei “case studies”.